patrocini
velia teatro velia teatro velia teatro velia teatro velia teatro velia teatro velia teatro velia teatro
velia teatro
velia teatro: edizione 2008

Ascea

Ascea è situata nell’area meridionale della provincia di Salerno, su un colle da cui si gode un’ampia vista sulla costa e sulle rovine dell’antica città di Velia. Gli studiosi hanno avanzato varie ipotesi, riguardo l'origine del toponimo. Secondo il Battisti deriva da Isacia, una delle due isole enotridi che antiche alluvioni hanno occultato facendo spostare la foce dell’Alento a tre chilometri dal porto greco di Velia. Altri ritengono invece che possa derivare dalla parola greca askia che significa "non ombroso", con probabile allusione ai disboscamenti eseguiti dai Romani. Un’ultima ipotesi, infine, vuole che il toponimo derivi da un altro termine bizantino non attestato, askaios, che vuol dire "luogo non sinistro", quindi favorevole all’approdo. Abitato fin dal Neolitico, il territorio di Ascea fu colonizzato dai Focesi che vi giunsero nel VI secolo a.C. dopo varie peripezie. Sfuggiti nel 546 a.C. all’assedio di Focea (antica città dell’Asia Minore), essi si erano rifugiati in Sardegna dove avevano fondato la colonia di Alalia. Sconfitti dagli Etruschi in una cruenta battaglia avvenuta nel 541 a.C. avevano quindi cercato scampo a Reggio. Giunti infine nel territorio percorso dal fiume Alento, i Focesi acquistarono dagli Enotri il diritto di stanziarsi sull’altura che nella dizione indoeuropea era chiamata Velia, mentre nel dialetto ionico era indicata con il nome Yele, riportato e diffuso da Platone come Elea.

L'antica città di Velia

La colonia era cinta da mura lunghe oltre otto chilometri (il doppio di quelle di Poseidonia) ed era provvista di due torri che si ergevano ai lati di una porta. Gli scavi condotti in una prima insula hanno portato alla luce marmi, sculture, i resti di una torre, di un grande complesso termale risalente al II secolo d.C., di una villa urbana di epoca romana e di una probabile basilica paleocristiana. In una seconda insula sono invece emersi un porticato, un grande criptoportico rettangolare del I secolo a.C. e inoltre erme e statue di medici legati al culto di Apollo guaritore e discendenti dalla scuola pitagorica. Sempre all’interno di questa insula esisteva un luogo sacro ad Asclepio formato da un pozzo e da un boschetto sacro (l’attuale giardino pensile). Una strada collegava la città con il porto situato presso il fiume Palistro e con l’altro, più lontano, sull’Alento. Nota per il buon clima, che la rendeva luogo di soggiorno preferito dai ricchi e da uomini illustri, fra cui perfino Cicerone, Velia non aveva un ampio e fertile retroterra, e costruì quindi la sua fortuna essenzialmente sul commercio e sull’attività marinara. Nel III secolo a.C. e nel 62 d.C. la città subì devastanti inondazioni, ma la più disastrosa fu quella del V secolo che causò l’interramento del quartiere meridionale e la scomparsa della basilica paleocristiana. All’approssimarsi dell’esercito longobardo gli abitanti di Velia abbandonarono la parte antica della città, che si ripopolò soltanto dopo che gli invasori si furono convertiti al Cristianesimo. Da quel momento giunsero a Velia numerosi monaci italo-greci che non esitarono a usare importanti frammenti marmorei per costruire le proprie case e la Chiesa di San Quiricio. La località, come è attestato in un diploma di Gisulfo II (950) era conosciuta soprattutto per la Chiesa di Santa Maria Odegitria, che sorgeva alla confluenza dell’Alento e del Palistro e per questo era detta ad duo flumina.

Dopo il mille

Notizie del borgo si hanno in documenti del 1141, del 1185 e del 1230. Dopo la congiura contro Federico II (1245) il proprietario del feudo, Gualtiero de Cicala, fu destituito. Dopo poco tempo, tuttavia, riottenne quanto aveva perduto da Innocenzo IV. In seguito Manfredi cedette Ascea a Galvano Lancia. Nel 1275 Carlo d’Angiò la affidò ai Del Giudice, che possedevano anche il feudo di Capaccio. Dopo essere stato proprietà di vari illustri personaggi del luogo (Ladislao nel 1412, Francesco Capano nel 1415 Francesco Sanseverino nel 1420), il feudo pervenne per donazione alla Casa dell’Annunziata di Napoli a cui rimase fino al 1702, anno in cui l’istituzione fallì. Ascea passò allora al duca Lucio Caracciolo di Vito e da questi alla famiglia Maresca che ne rimase proprietaria fino all’abolizione della feudalità (1806).

L'arte sacra

I monumenti più importanti di Ascea e dei suoi dintorni sono costituiti quasi esclusivamente da edifici di carattere religioso. Della Chiesa di Castellammare della Bruca, che nel Seicento e nel Settecento era dedicata, come la parrocchiale, a San Nicola, si sa che crollò nel 1616 e che, ricostruita e ristrutturata più volte, fu donata nel Novecento allo Stato per essere adibita ad antiquarium. La Chiesa di San Nicola ospitava la Confraternita del Rosario e custodiva alcune statue raffiguranti San Nicola, la Madonna del Rosario, Santa Maria delle Grazie, una tela in cui era ritratta la Madonna di Costantinopoli fra Santa Caterina e Santa Lucia, un’icona della Madonna del Carmine fra San Francesco e Sant’Antonio e una tavola raffigurante la Madonna del Rosario. Le prime notizie dell’organo si trovano nei documenti riguardanti la visita pastorale 1735, mentre al coro viene fatto riferimento a proposito della visita del 1746. Dalla registrazione dei beni effettuata in occasione del restauro del 1884 risulta che nella chiesa erano custodite anche due statue raffiguranti Santa Lucia, e l’Immacolata, oltreché due tele in cui sono ritratte la Vergine dei sette dolori e la Madonna del Carmine. Nel 1907, essendo la parrocchiale chiusa per lavori di restauro, venne costruita la Cappella di Sant’Antonio da Padova. Fuori dell’abitato,in prossimità del mare, sorge la Cappella di Santa Maria dove i riti venivano celebrati con il contributo delle elemosine dei pescatori. A Terradura, frazione di Ascea, degne di nota sono la Chiesa di Santa Sofia risalente al XVII secolo, e la Chiesa di San Michele Arcangelo. A Mandia, frazione situata in posizione dominante sul torrente Fiumarella e sulla strada che da Velia conduce verso l’interno, sono da ricordare la Parrocchiale e la Cappella della Madonna del Principio, da cui inizia il pellegrinaggio al Sacro Monte. Da segnalare, al di fuori dell’architettura sacra, è anche Palazzo Ricci, appartenuto fino alla fine dell’Ottocento alla famiglia De Dominicis.

Le feste e l’economia

Il primo martedì d’agosto Ascea festeggia Sant’Antonio, ma numerose sono le manifestazioni di carattere religioso che si svolgono anche nelle frazioni. A Terradura il 15 maggio si celebra la Festa di Santa Sofia, mentre a Catona nel mese di luglio viene festeggiata la Madonna del Carmine: benché la festa vera e propria ricorra il 16 del mese, già il 7 la statua della Madonna viene portata in processione seguendo un significativo itinerario. A Mandia, invece, assai rinomata è la Festa di San Giovanni Battista, che si celebra il 24 giugno. La voce più importante dell’economia di Ascea è il turismo, attivo soprattutto a Marina di Ascea. Ad attrarre i visitatori in questa località, tuttavia, non è solo la bellezza del mare, ma anche la ricchezza del patrimonio archeologico e il buon livello delle strutture ricettive. Altra risorsa economica importante del paese e delle sue frazioni è l’agricoltura, i cui prodotti principali sono l’olio e le castagne. Da ricordare le attività artigianali legate al settore dell’edilizia